30.1.08

Who's in a bunker?



Sto naufragando.
Non riesco più ad alzarmi.

Nothing Thrills Me Anymore


Più voglia di niente
Lascio passare le giornate
Uniche compagne le Sigarette
Unica amica la Musica
Che accompagna i viaggi
A ritroso
Più passa il tempo e meno tornerà
Cerco di tenerlo in vita
Non voglio dimenticare
Che ho sentito
Amato. Sorriso.
Evito qualsiasi distrazione

Lancette D'Orologio Io Vi Odio


Sei mesi di consolazioni
Musica, vino ed altro
Non è stato Abbastanza
La voragine è cresciuta
Sono arrivata in fondo
Tutto è scuro e piatto
I ricordi cominciano ad offuscarsi
Inizio ad avere paura.

And I'm Not Scaremongering


Picky Bastard Is Seeking For A Support

21.1.08

SINGER IS A CROOK, WHOA-EY-OH

Clang! Clang! Clang!



PEOPLE WONT BE PEOPLE WHEN THEY HEAR THIS SOUND
THAT'S BEEN GLOWING IN THE DARK AT THE EDGE OF TOWN
PEOPLE WONT BE PEOPLE, NO
THE PEOPLE WONT BE PEOPLE WHEN THEY HEAR THIS SOUND
WONT YOU SHOW ME WHAT BEGINS AT THE EDGE OF TOWN

singer is a crook, whoa-ey-oh
singer is a crook, whoa-ey-oh
singer is a crook, whoa-ey-oh
THE KITCHEN IS THE COOK, Whoa-ey-oh
THE SCISSORS ARE THE BARBERS, Whoa-ey-oh
THE SINGER IS A CROOK,Whoa-ey-oh
THE CHORUS, FULL OF ACTORS, Whoa-ey-oh

PEOPLE WONT BE PEOPLE WHEN THEY HEAR THIS SOUND
THAT'S BEEN GLOWING IN THE DARK AT THE EDGE OF TOWN
PEOPLE WONT BE PEOPLE, NO
THE PEOPLE WONT BE PEOPLE WHEN THEY HEAR THIS SOUND
WONT YOU SHOW ME WHAT BEGINS AT THE EDGE OF TOWN

singer is a crook, whoa-ey-oh
singer is a crook, whoa-ey-oh
singer is a crook, whoa-ey-oh
singer is a crook, whoa-ey-oh
kitchen is for cook, whoa-ey-oh
sissors at the barber, whoa-ey-oh
singer is a crook, whoa-ey-oh
The Chorus Doesn't matter


Picky Bastard support PROG

19.1.08

Today...


i miei occhi vogliono osservare solo questo


Picky Bastard support Fine Arts

13.1.08

Son malato d'infanzia e di ricordi...

Mi piace spettinato camminare
col capo sulle spalle come un lume
così mi diverto a rischiarare
il vostro autunno senza piume.

Mi piace che mi grandini sul viso
la fitta sassaiola dell'ingiuria,
l'agguanto solo per sentirmi vivo
al guscio della mia capigliatura.

Ed in mente mi torna quello stagno
che le canne e il muschio hanno sommerso
ed i miei che non sanno di avere
un figlio che compone versi

ma mi vogliono bene come ai campi,
alla pelle ed alla pioggia di stagione
raro sarà che chi mi offende scampi
dalle punte del forcone.

Poveri genitori contadini
certo siete invecchiati, ancor temete
il signore del cielo e gli acquitrini
genitor che mai non capirete

che oggi il vostro figliuolo è diventato
il primo fra i poeti del paese
ed ora con le scarpe verniciate
e col cilindro in testa egli cammina.

Ma sopravvive in lui la frenesia
di un vecchio mariuolo di campagna
e ad ogni insegna di macelleria
alla vacca s'inchina sua compagna.

E quando incontra un vetturino
gli torna in mente il suo concio natale
e vorrebbe la coda del ronzino
regger come strascico nuziale.

Voglio bene alla patria benché
afflitta di tronchi rugginosi
mi è caro il grugno sporco dei suini
e i rospi all'ombra sospirosi

son malato d'infanzia e di ricordi
e di freschi crepuscoli d'aprile.
Sembra quasi che l'acero si curvi
per riscaldarsi e poi dormire.

Dal nido di quell'albero le uova
per rubare salivo fino in cima
ma sarà la sua chioma sempre nuova
e dura la sua scorza come prima.

E tu mio caro amico vecchio cane
fioco e cieco ti ha reso la vecchiaia
e giri a coda bassa nel cortile
ignaro delle porte dei granai.

Mi sono cari i miei furti di monello
quando rubavo in casa un po' di pane
e si mangiava come due fratelli
una briciola, all'uomo ed una al cane

io non sono cambiato,
il cuore ed i pensieri son gli stessi
sul tappeto magnifico dei versi
voglio dirvi qualcosa che vi tocchi.

Buonanotte, la falce della luna
si cheta mentre l'aria si fa bruna
dalla finestra mia voglio gridare
contro il disco della luna.

La notte è così tersa
qui forse anche morire non fa male
che importa se il mio spirito è perverso
e dal mio dorso penzola un fanale.

O pegaso decrepito e bonario
il tuo galoppo è ora senza scopo
e giunsi come un maestro solitario
e non canto e non celebro che i topi.

Dalla mia testa come uva matura
gocciola il folle vino delle chiome
voglio essere una gialla velatura
gonfia verso un paese senza nome.

S.Esenin - A.Branduardi

Picky Bastard support Naughty

12.1.08

Lost Property

Tempo fa ho fatto una cosa.
Ho riempito delle scatole, ordinate, via.
E trasferito tutto.
Gli aperitivi musicali e
i preparativi per la cena.
Le candele sparse sul tavolo
ed i libri in disordine perfetto.
Gli incensi seminati sugli scaffali
a distendere poesia e saggi.
Le borse e maglie abbandonate
nelle sere ubriache sul trono impagliato.
I magneti della collezione gattesca e
le spezie allineate sulla mensola.
Gli istrici e le farfalle
sulle nostre teste.
Le corse sulle scale
con le provviste per la tana.
Le ampolle che ci accompagnavano
al letto nelle serate ubriache.
Il sudore delle notti febbrili
e le coperte che sfuggivano.
I sorrisi e gli abbracci rubati di passaggio
tra lo stereo e il mio angolo.
Le serate ascoltando
musica e guardare video.
Il mio cantuccio
e il mio punto di vista.
La gioia di vedersi
senza presunzione.
Ho portato via tutto.
Solo una cosa ora qui non mi ritrovo.
Il mio cuore.




Picky Bastard support Investigation

8.1.08

Kingdom of Doom

Sto seguendo le mie istruzioni:

Ho rasato tutto al suolo...

Ed aspetto la Primavera...

Se non fosse per queste erbacce...

Se non fosse per queste istruzioni...

Picky Bastard support Rehab