20.8.08

Invisible Truth




"La disperazione non è un sintomo medico, è un fatto vago, impreciso. Ciascuno dei sintomi di Anna O. coinvolgeva una parte distinta del suo corpo; ciascuno di essi era provocato da una scarica eccitativa intracelebrale attraverso alcune vie neuronali. La disperazione del vostro amico è esclusivamente di natura ideale. Per una simile condizione non esiste alcuna cura."

"A me l'espressione dovere risulta pesante e oppressiva. I miei doveri li ho ridotti a uno: perpetuare la mia libertà. Il matrimonio, con il suo contorno di possessività e gelosia, schiavizza lo spirito."

"I viennesi sono gente religiosa: il loro dio si chiama Decoro."

"Il dovere che ha ciascuno nei confronti di se stesso di scoprire la verità"

"I maestri devono essere spietati. I messaggi spietati devono essere spiegati perché è la vita a essere spietata, come lo è la morte"

"La verità si raggiunge attraverso la sfiducia e lo scetticismo, non attraverso un'infantile desiderio che le cose stiano in un certo modo"

"Il vaso di Pandora fu aperto, così che tutti i mali lì rinchiusi da Zeus dilagarono per il mondo dell'uomo, ve ne rimase uno, ignoto a tutti, quello supremo. La speranza. E' da allora che erroneamente l'uomo considera il vaso e il suo contenuto uno scrigno di buona fortuna. Ma abbiamo dimenticato il desiderio di Zeus che l'uomo continui a farsi tormentare. La speranza è il peggiore dei mali perché protrae il tormento"

"Morire è duro. Ho sempre ritenuto che la ricompensa finale dei morti sia non morire più"

"Il vostro editore non è soltanto pigro ma anche stupido: si tratta di libri che un editore dovrebbe sostenere con il sangue"

"Voi vi chiedete come sarebbe una conversazione in cui fosse imposto di non nascondersi nulla: personalmente credo che il suo vero nome sia inferno. Aprirsi a vicenda è il preludio del tradimento, e il tradimento fa star male"

"Può esservi un'emicrania addominale, caratterizzata da acuti attacchi in loco, senza alcun mal di testa. Vi sono pazienti che hanno riferito di episodi improvvisi in cui di punto in bianco si sentono depressi o esaltati. Altri pazienti hanno periodicamente la sensazione di avere già vissuto le esperienze che stanno vivendo in quel momento. I francesi lo chiamano déjà vu, ed è forse anch'esso una variante di emicrania"

"Scrivo soltanto in base alla mia esperienza. Scrivo con il sangue, e la migliore verità è cruenta"

"Tutto ciò che non mi uccide mi rafforza. Il mio male è una benedizione"

"Dal canto mio preferisco definirmi scenziato, dal momento che la pietra angolare del mio metodo filosofico, come quella del metodo scientifico, è l'incredulità"

"Conosciamo questi preteschi guaritori che proiettano la loro debolezza sugli altri e poi li curano soltanto al fine di aumentare la propria potenza. La conosciamo la carità cristiana"

" Sono convinto che l'isteria sia provocata da un'esperienza traumatica subita mentre l'individuo si trova in uno stato aberrante di coscienza"

"Saprà che non mi piacciono i doni? Che mi graffiano la pelle e mi distruggono il sonno?"

"Anch'io mi sono chiesto come mai di notte regnino le paure. Dopo vent'anni di simili interrogativi, ora credo che le paure non nascano dal buio: sono piuttosto come le stelle, sempre presenti, ma oscurate dalla luce del giorno"

"Il vostro compito è accettare voi stesso, non scoprire il modo per conquistarvi la mia accettazione"

"E' più facile, di gran lunga più facile, obbedire a un altro che comandare a se stesso"

"Creatività e scoperta sono generate nel dolore"

"Ho imparato come sia più facile venire a patti con la cattiva reputazione che con una cattiva coscienza. Inoltre non sono avido, non scrivo per la folla. E so essere paziente. Forse i miei studenti non sono ancora nati. Soltanto il dopodomani mi appartiene"

"Eterno ritorno significa che ogni volta che scegli un atto devi avere la volontà di sceglierlo per tutta l'eternità. E lo stesso vale per ogni azione non compiuta, per ogni pensiero abortito, per ogni scelta evitata. Tutta la vita non vissuta rimarrà a gonfiarti nell'intimo, non vissuta per l'eternità. E l'inascoltata voce della tua coscienza griderà il suo richiamo per sempre"

"La liberazione di se stesso significa un sacro 'no', anche nei confronti del dovere"

"Anche la VERITA' è un illusione, seppure un illusione senza la quale non possiamo sopravvivere"

La Vérité sortant du puits - Edouard Debat-Ponsan (1898)

Le Lacrime di Nietzsche - Y. D. Yalom (1992)

Nessun commento: