18.3.11

It's Too Much To Ask?

Su di lui volò uno stormo di creature, le più belle che avesse mai visto. Gli lanciarono delle grida, e a sentirle il cuore gli battè forte e si spezzò. Lanciò un urlo che mai gli era uscito dalla gola. Non aveva mai visto creature tanto belle e non si era mai sentito più derelitto.
Si girò e si rigirò sull'acqua per osservarle mentre volavano lontano, fino a sparire, poi si tuffò in fondo allo stagno e si accoccolò tutto tremante. Era fuori di sé perché provava un amore disperato per quei grandi uccelli bianchi, un amore che non riusciva a comprendere.



Dedicated to: Anatrotto, alla bellezza che ha paura di splendere, alle ferite, agli stagni, agli afoni. Ai Condomini.


Nessun commento: